Guerre, armi e democrazia PDF

Scacciamoli.it Guerre, armi e democrazia Image

DESCRIZIONE

Nelle società dell'ultimo miliardo la democrazia ha fatto aumentare la violenza politica invece di ridurla. Per quanto riguarda l'Africa, l'unica regione i cui dati complessivi sono disponibili, dal 1945 a oggi, 82 sono stati i colpi di Stato riusciti, 109 i tentativi falliti e 145 i complotti sventati sul nascere. Un altro dato: nei 58 paesi a basso reddito che Collier prende in esame, 9 miliardi di dollari vengono spesi in armi, il 40% dei quali è finanziato dagli aiuti per la cooperazione della comunità internazionale. Eppure molti di questi paesi non sono più coinvolti in guerre civili o di confine e negli ultimi decenni hanno avuto libere elezioni. Allora perché? Perché sono paesi i cui governi sono solo apparentemente democratici e non garantiscono né i diritti basilari né le libertà delle persone. "La ragione pura e semplice per cui nei paesi dell'ultimo miliardo gli effetti della responsabilità e della legittimità della democrazia non fanno diminuire il rischio di violenza politica è che in quelle società la democrazia non è né responsabile né legittima." Questa la cattiva notizia. La buona è che ci troviamo di fronte a una situazione drammatica soltanto perché non siamo stati in grado di gestirla con competenza.

DATA 2011
ISBN 9788842098034
NOME DEL FILE Guerre, armi e democrazia.pdf
DIMENSIONE 2,60 MB
AUTORE Paul Collier
Leggi il libro di Guerre, armi e democrazia direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Guerre, armi e democrazia in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su scacciamoli.it.

Guerre, armi e democrazia - Paul Collier Libro - Libraccio.it

GUERRE ARMI E DEMOCRAZIA COLLIER PAUL, libri di COLLIER PAUL, LATERZA. Novità e promozioni libri.

Si può esportare la democrazia? - Lettera Internazionale

Le due principali guerre con cui si è aperto il terzo millennio, quelle in Afghanistan e in Iraq, sono state giustificate dagli Stati Uniti e dai loro alleati con argomentazioni miste. La prima e forse principale è stata l'autodifesa: sradicare le basi terroristiche in Afghanistan e distruggere le presunte armi di distruzione di massa in Iraq.

LIBRI CORRELATI